dormire mangiare cultura trekking bike
Home

Chi siamo

Dove siamo

Tradizioni Archeologia Ambiente Contatti
 

 

Ambiente
Gadoni è un paese decisamente ricco di valenze ambientali e diversi aspetti naturalistici e geologici lo rendono davvero unico: la ricchezza e la varietà dei paesaggi, la suggestione che sanno suscitare gli strapiombi  e le gole lungo il corso del Flumendosa; l'importanza rivestita dalla miniera di F.na Raminosa nell'era dei primi metalli.L'estensione del territorio di Gadoni è di 4.350 ettari, essi racchiudono al loro interno un enorme patrimonio dal punto di vista paesaggistico - ambientale. 

Basti pensare alle ricchezze naturalistiche che vanno dai boschi secolari di “Crontas” alle suggestive gole scavate nel tempo dal fiume Flumendosa, dalla fitta macchia mediterranea di “Norcui”, alle garighe delle cime di “sa Scova”. La natura però offre il suo volto più selvaggio e affascinante nelle località di“Biduladu” e “sa Murta” e soprattutto nella imponente foresta di "Corongia", a circa 15 Km. da Gadoni.Centinaia e centinaia di ettari di bosco che rivestono una enorme importanza sia dal punto di vista naturalistico che da quello paesaggistico-ambientale.

Gadoni: Panorama

Vi si possono trovare numerose specie arboree quali Leccio, Tasso, Terebinto e Ginepro, specie floreali come la peonia selvatica e numerose specie di Orchidee selvatiche.Questa foresta è posta su una parte di un grosso altipiano calcareo nel quale si possono visitare suggestive grotte, esplorare dirupi e orridi strapiombi.Più a sud, dove l'altipiano degrada verso il grande vallone del Flumendosa è possibile ammirare suggestivi scenari dove la natura rivela il suo fascino più selvaggio con le aspre pareti a precipizio di Lattinazzu alte fino a 100 metri, incise e modellate dalla orza dell'erosione in tutti gli aspetti possibili. Fra questi spicca per bellezza lo strato, e allo stesso tempo straordinario pinnacolo di su Campalini,   una guglia rovesciata alta circa 80 metri,con la base più sottile della parte superiore, visibile da un punto panoramico da dove si domina tutta la vallata del Flumendosa.In tutto questo Contesto non vanno dimenticate le grotte e le spelonche che caratterizzano questo paesaggio,quelle di Gruttas Albas, con una volta di circa 70 metri e quelle di Gruttas de Perdu, adornate di stallatiti e stallagmiti.  Occorre ricordare che tutte queste grotte sono visitabili e facilmente  raggiungibili.

Con una guida esperta sono inoltre visitabili altre zone caratteristiche di questa Foresta come ad esempio su Disterru e Luritta, un inghit- titoio del diametro di circa 10 metri, sa Stiddiosa, così chiamata per il continuo gocciolio di un piccolo

Flumendosa: piscina di Arredelus

corso d'acqua che confluisce nel Flumendosa o ancora le suggestive formazioni rocciose dalle forme bizzarre di is Breccas, che danno al paesaggio un tocco quasi irreale.In questo territorio, un tempo il regno di cervi e daini, molte specie animali i trovano ancora il loro habitat ideale, come il cinghiale, la martora, l'aquila, il gatto selvatico, l'astore e tanti altri. Gadoni paese di Castagni e di Noccioli era famoso, e in parte lo è ancora per i suoi alberi di noce. Il suo nome era legato in passato, oggi un pò di meno, alle ciliege, pare infatti che negli anni trenta, e più precisamente nel 1934 le ciliege vendute furono pari a 12.000 Kg., per un incasso di circa 78.000 lire, basti pensare che il trasporto ai mercati di Cagliari e Iglesias fu effettuato con 4 autocarri per 10 giorni consecutivi. 

Flumendosa: Sa stiddiosa

Rio Saraxinus

 Foresta di Corongia: Su Campalini

Copyright © 2019           www.visitgadoni.info          visitgadoni Via Umberto I° 90 08030 Gadoni